Dybala e McKennie, due grandi giocatori

La Juventus Football Club ha raggiunto il quarto posto in classifica grazie al tre ad uno contro il Sassuolo. Una vincita strepitosa dopo aver battuto il Milan il 6 gennaio senza però frenare la loro corsa in classifica, i bianconeri hanno però scavalcato diverse squadre, adesso sono inseguiti dall’Atalanta.

I tre goal sono stati fatti da Danilo Luiz da Silva, Aaon Ramsey e Cristiano Ronaldo nei minuti finali. Il Sassuolo ha ottenuto un goa al 50′ grazie a Grégoire Defrel (quote numero goal su mrxbet.me) e un cartellino rosso per Pedro Obiang nel recupero del primo tempo.

Prima di vedere le pagelle dei giocatori e soprattutto i momenti più salienti delle partite, parliamo dei due giocatori rimasti infortunati. Due fuoriclasse che Pirlo avrebbe usato domenica nella trasferta contro l’Inter. Vediamo come stanno e che cosa gli è successo.

Dybala e McKennie, ecco che cosa gli è successo in campo

Paulo Dybala ha 27 anni, è nato a Laguna Larga in Argentina, è alto 1,77 metri e dal 2019 gioca come attaccante della Juventus a 12,52 milioni di euro come stipendio. Purtroppo ha subito un trauma contusivo sul collaterale e il ginocchio ne è rimasto compromesso. Per sapere se potrà giocare contro il Genoa in Coppa Italia e contro l’Inter bisognerà aspettare i risultati di giovedì.

Weston James Earl McJKennie è calciatore statunitense centrocampista, è in presto dallo Schalke dal 2020. Con la Juventus ha finora giocato 13 partito, realizzato 2 gol e 2 assist. In Champions LEague ha giocato cinque partite e realizzato un goal. Pirlo ha dichiarato che ha avuto un problema sull’opsoas, lo ha riaccusato durante la partita ed è stato sostituiti. Anche per lui si attendono gli esiti della settimana per le partite contro Genoa e Inter.

Gli infortuni non fanno bene ai bianconeri che però hanno diverse risorse da sfruttare. Pirlo infatti non ha mostrato preoccupazione ai microfoni dopo la vittoria contro il Sassuolo. “Ci prepariamo per la sfida in Coppa Italia e poi prepareremo quella con l’Inter. Siamo la Juventus, abbiamo la pressione di vincere ogni partita che giochiamo”.

Il freddo non spaventa l’allenatore quindi ma qualche critico sì, ad esempio Massimo Pavan come lo riporta TuttoJuve. “Ogni gara al freddo è un pericolo per gli infortuni, soprattutto vedendo altri avversari giocare alle 15, poi alle 12.30, insomma, una situazione anomala.”

Cronaca Juventus Sassuolo

La formazione ufficiale neroverde in schema 4-2-3-1 comprendeva questi giocatori: Consigli; Muldur, Chiriches, Ferrari, Kyriakopoulos; Obiang, Locatelli; Defrel, Djuricic, Traore; Caputo. Pirlo invece ha tirato fuori uno schema 4-4-2 con Szczesny; Danilo, Bonucci, Demiral, Frabotta; Chiesa, Bentancur, Arthur, McKennie; Dybala, Ronaldo.

Il Sassuolo dopo una serie di affondi ha mostrato il meglio di sé, una grande abilità tecnica nel palleggio. Tra il settimo e l’ottavo minuto però hanno risposto prima Frabotta e poi Ronaldo in testa insieme a Dybala. Consigli non risponde bene a questo passaggio. Arriva l’esterno grazie a Frabotta e McKennie, Consigli recupera. Al tredicesimo minuto arriva l’ammonimento Bonucci e subito dopo anche per Ferrari. McKennie esce al ventitreesimo munito e viene sostituito da Ramsey. Gioco di terzini verso il venticinquesimo su CR7 interviene Chiriches. Il goal della Juventus arriva dopo il primo tempo a seguito di alcune espulsioni e cartellini, un tentativo di Ronaldo quasi andato a buon fine. Al 51 la Juventus passa in vantaggio grazie ad al destro da fuori area di Luiz che verrà recuperato in un momento da Defrel. Si andrà poi verso la vittoria con due punti e un Sassuolo pronto a recuperare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *