Qual è il modo giusto per imballare un pacco da spedire?

Come preparare un pacco per una spedizione

Quando si deve spedire un pacco, una delle prime preoccupazioni riguarda la necessità di farlo arrivare integro a destinazione. Questo dipenderà in gran parte da noi e dall’attenzione che presteremo nell’imballare dovutamente il cartone da spedire. In base alle indicazioni che si trovano sui siti che si occupano di spedizioni, infatti, un pacco deve essere preparato in modo che possa resistere ad eventuali urti accidentali, al peso di altri cartoni posizionati su di esso, ed alla caduta dall’alto.

Oggi è possibile organizzare la spedizione comoda di pacchi anche online, direttamente dalla propria abitazione. Rimane comunque assolutamente necessario dedicare del tempo nell’imballare il proprio pacco in maniera corretta. Andiamo pertanto a vedere quali sono alcuni utili consigli per eseguire un imballaggio a regola d’arte.

L’involucro esterno

Una delle prime cosa cui prestare attenzione è l’invulucro esterno. E’ necessario affidarsi ad un cartone nuovo, preferibilmente ondulato, e non ad uno che è già stato utilizzato per altri scopi, la cui struttura è indebolita. Il rischio, quando scegliamo un cartone usato, è che questo si rompa facilmente, lasciando fuoriuscire il contenuto. Un altro fattore da non sottovalutare è la grandezza del cartone, che deve essere proporzionale all suo contenuto. Un cartone troppo grande rischia di piegarsi e di rompersi, compromettendo l’integrità degli oggetti o della merce al suo interno.

Ricordiamo inoltre che quando scegliamo di spedire online dovremo applicare l’etichetta per la spedizione sul lato del cartone. Questa contiene tutte le informazioni necessarie al corriere per far giungere il pacco a destinazione. Eliminiamo pertanto etichette vecchie derivanti da altre spedizioni passate.

L’imballaggio interno

Come possiamo proteggere internamente il contenuto? La risposta a questa domanda dipende in parte dal tipo di prodotto che deve viaggiare. In line di massima, alcuni principi generali sono che non bisogna lasciare degli spazi eccessivi tra gli oggetti al suo interno, e nemmeno tra questi e le pareti interne del cartone. Per riempire gli spazi vuoti abbiamo a disposizione diverse soluzioni. La carta da imballaggio, i fogli di pluriball, le cicche di polistirolo sono solamente alcune di quelle più utilizzate.

Dicevamo inoltre che in base alla natura stessa dell’oggetto da trasportare potremo inserire delle protezioni aggiuntive. Se, ad esempio, stiamo inviando delle bottiglie di vetro, dovremo posizionare degli involucri appositi in polistirolo. Se a viaggiare dev’essere un computer, d’altra parte, il polistirolo è da evitare, in quanto potrebbe generare delle scariche elettrostatiche, queste vanno a compromettere il funzionamento dei circuiti interni, e, di conseguenza, quello del dispositivo stesso. Ecco perché in tal caso bisognerà utilizzare dei sacchetti antistatici come ulteriore protezione.

Chiusura del cartone

A questo punto bisogna sigillare il cartone, e per farlo dovremo seguire due passaggi. Il primo consiste nell’applicare dello scotch di almeno 5 cm di larghezza. La seconda precauzione che dovremo prendere sarà quella di avvolgere ulteriormente il cartone nella pellicola estensibile. Questa risulta un rinforzo strutturale importante per tutto il cartone, ed impedirà che si rompa facilmente durante gli spostamenti.

L’etichetta di spedizione dovrebbe essere posizionata all’interno della pellicola estensibile, di modo che risulti facilmente visibile dal corriere e nello stesso tempo non vada persa mentre il pacco viene maneggiato.

Non spedire prodotti proibiti

Prima di effettuare una qualsiasi spedizione è bene sincerarsi che all’interno del nostro pacco non siano contenuti degli articoli proibiti. Trascurare questo aspetto porterebbe ad un annullamento della copertura assicurativa. In casi peggiori, nel caso in cui la merce trasportata dovesse causare danni, il mittente sarà tenuto a coprire il costo di questi ultimi.

Se abbiamo dubbi in merito ad un articolo, faremmo meglio a contattare via mail il servizio clienti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *