Un weekend a Cefalù: come visitare tutto?

weekend-cefalu

Una mini guida su cosa vedere a Cefalù e dintorni in un weekend, tra arte, mare e natura

Visitare Cefalù in ogni sua parte in un solo weekend può sembrare impossibile, ma si può fare! Questo meraviglioso borgo, tra i più visitati di Sicilia, è infatti abbastanza piccolo da poter essere esplorato in poco tempo e le sue bellezze sono per lo più concentrate nell’area del centro storico Patrimonio Unesco.

In soli due giorni, si possono quindi visitare tutte le sue attrazioni principali. Ecco quali sono.

Il Duomo di Cefalù

La prima cosa che bisogna visitare a Cefalù è il suo Duomo, che domina su tutto il borgo proprio sotto alla Rocca. Il Duomo di Cefalù fa parte dell’itinerario arabo normanno di Sicilia e i suoi preziosi mosaici dorati hanno fatto sì che entrasse a far parte del Patrimonio dell’Umanità. Le sue origini sono legate ad una leggenda secondo la quale sarebbe stato costruito per volere di re Ruggero II, che, sopravvissuto a una tempesta e approdato sulle spiagge di Cefalù, avrebbe fatto un voto con il Santissimo Salvatore al quale è dedicato il Duomo. Al suo interno sono essenzialmente due le opere d’arte da non perdere: il famoso Cristo Pantocratore e il meraviglioso Chiostro medievale dai bellissimi capitelli e colonnati.

La Rocca di Cefalù

Dopo la visita del Duomo, da non perdere è la salita alla Rocca di Cefalù, la rupe alta circa 270 metri che sovrasta il borgo. Il sentiero che porta su in cima non è di certo facile, ma con un po’ di impegno anche i camminatori meno esperti possono arrivare a destinazione. La fatica verrà ricompensata con una vista spettacolare sul mare, sul Duomo e su tutto il centro storico. Lungo il percorso si incontreranno i resti del Tempio di Diana, le mura fortificate della città e i ruderi del castello medievale, il tutto sempre accompagnato da un panorama mozzafiato.

rocca-cefalu

Il lavatoio medievale a Cefalù

In via Vittorio Emanuele, uno dei corsi principali del centro, si trova un altro gioiello di Cefalù: il Lavatoio Medievale, nei pressi di Palazzo Martino. Una scalinata in pietra conduce a una serie di vasche, nelle quali l’acqua si immette tramite bellissime bocche di leone; qui un tempo le lavandaie lavavano i propri panni.

Porta Pescara e il Porto Vecchio

Tra le tappe più note di Cefalù non può non esserci Porta Pescara, l’unica rimasta integra tra le quattro porte originarie presenti nelle mura della città. La sua bellezza sta nella sua posizione: infatti, inquadra perfettamente, all’interno del suo arco, il mare davanti a sé creando un’atmosfera magica e romantica. Proprio per questo, Porta Pescara è forse il punto preferito dai turisti che vengono qui per scattare le loro foto ricordo più suggestive.

Poco distante, sempre nella parte vecchia della città, si trova un altro punto cardine del turismo a Cefalù: il Porto Vecchio. Da qui, infatti, si ha un’immagina affascinante della città, con le sue pittoresche case affacciate sul mare, la spiaggia dorata e la rocca insieme al Duomo sullo sfondo.

Cosa vedere vicino Cefalù

Per visitare al meglio Cefalù e dintorni sarebbe ottimale alloggiare in una struttura vicina a tutte le attrazioni da vedere: il Residence Cala Grande Cefalù può essere la soluzione perfetta per questo weekend, adatto a coppie, famiglie e gruppi di amici, anche automuniti, grazie al comodo parcheggio privato. Poco lontano dal centro, infatti, si trovano altre tappe da non perdere, come le spiagge e il Parco delle Madonie.

Le spiagge di Cefalù

Per trascorrere qualche ora in pieno relax al mare, non esiste solo il lungomare: nei dintorni di Cefalù sono sparse numerose altre spiagge, libere e attrezzate, nelle quali stendersi a prendere il sole dopo un bel bagno. Tra le più belle ci sono Capo Playa, Mazzaforno, Caldura, Sant’Ambrogio, Settefrati e Salinelle, tutte caratterizzate da acqua pulita e limpidissima.

Il Parco delle Madonie

Cefalù è uno dei paesi facente parte del Parco delle Madonie, che si estende proprio a pochi passi dal borgo e ospita numerose specie (vegetali, di mammiferi e di uccelli), alcune delle quali presenti solo in questa zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.