Poker online, dopo la fine del lockdown crolla in Portogallo

Nel secondo semestre dell’anno i numeri sono in calo per il poker online in Portogallo e c’è l’attesa per nuove innovazioni nel mercato. Diminuiscono le restrizioni per il covid-19 ed ecco che per il poker online diminuiscono i dati.

Lo stesso sta accadendo in Portogallo anche se come in Italia la discesa non è così ripida come in pre pandemia nonostante manchi la liquidità condivisa. La misurazione della diminuzione nel secondo trimestre del 2021 è stata effettuata dal SRIJ ovvero Servico de Regulacao e Inspeccao de Jogos.

Stiamo parlando per il Portogallo di uno dei peggiori risultati ottenuto negli ultimi 3 anni relativo al poker online che così risulta uno dei giochi più colpiti secondo le verifiche di PokerPt. Parlando di poker il sito https://www.pokertv.it/ può essere un ottimo spunto per divertirvi online.

I dati parlano chiaro

Il documento depositato riporta un importo di 125 milioni di euro come ricavo lordo raggiunto per i giochi online. In questo importo ci sono 67,5 milioni per le scommesse sportive, 57,5 milioni per i giochi d’azzardo e 38,8 milioni riscossi dalle Stato per le tasse.

I dati sopra riportati evidenziano una diminuzione del 2,6% rispetto a quelli del 1° trimestre 2021 e un aumento rispetto allo stesso periodo del 2020 dell’81,9%. La diminuzione è causata anche dalla mancanza di nuovi giocatori nel mercato del Portogallo.

All’interno dei giochi d’azzardo il documento del Srij evidenzia la diminuzione del poker online. In questa categoria dove primeggiano le slot machine con una percentuale del 75,99% solo il 3,75% è rappresentato dal verticale di cui parliamo.

Calo strutturale o fisiologico?

Il poker online ha generato 2.156 milioni di euro totali il dato più basso dall’anno 2018 di cui 1.489 milioni dai tavoli di cash game e 670.000 euro dai tornei online. Parliamo di un abbassamento del 35% rispetto ai primi tre mesi dell’anno.

Possiamo sicuramente dire che il periodo del lockdown ha incrementato notevolmente il gioco online e tutto il settore digitale e ora questa diminuzione può apparire fisiologica. Il problema del Portogallo per il poker online appare più strutturale che fisiologico.

Negli ultimi sei mesi del 2020 c’è stato un aumento a causa del confinamento ma poi il Portogallo ha avuto una diminuzione costante fino ad arrivare ad oggi che si parla di numeri peggiori rispetto ai primi mesi del 2018. Non esiste solo la pooling liquidity per crescere.

La cosa che risulta strana è che l’Italia che è sata confinata nei propri confini abbia avuto una discesa più lieve rispetto al Portogallo che per di più ha potuto usufruire dell’entrata nella liquidità dell’Europa del nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *